Storage

STORAGE

I modelli di storage utilizzati da Arka Service sono allineati agli attuali standard di mercato, combinando nel giusto equilibrio l’accessibilità, la sicurezza ed il costo, per soddisfare le diverse esigenze del panorama Enterprise. Per garantire ciò, Arka Service collabora con i maggiori player di mercato per la realizzazione di architetture ed ambienti storage quali Primary storage, secondary storage, Tertiary storage, off line storage, ecc…

  • STORAGE MEDIA indipendentemente dal modello di repository utilizzato i dati devono essere salvati su dei supporti (data storage media). I modelli utilizzati da Arka Service sono i comuni metodo utilizzati oggi come standard di mercato, tra i quali:
    • NASTRO MAGNETICO: è stato a lungo il mezzo più comunemente usato per l’archiviazione di massa dei dati, il back-up, l’archiviazione e l’interscambio. In genere il nastro magnetico ha avuto un miglior rapporto capacità / prezzo rispetto al disco rigido, ma di recente il rapporti tra i due si è ridotto di molto.
    • HARD DISK: il cui rapporto capacità / prezzo (migliorato negli anni) lo sta rendendo più competitivo rispetto ad un nastro magnetico per il l’archiviazione di dati di massa. I principali vantaggi di questa soluzione sono i tempi ridotti di accesso, disponibilità, capacità e facilità di utilizzo. I dischi esterni possono essere collegati tramite interfacce locali come SCSI, USB, FireWire, eSATA, o attraverso le tecnologie a lunga distanza come Ethernet, iSCSI , o Fibre Channel. Alcuni sistemi di back-up basati su disco, come librerie a nastro virtuali, permettono la deduplicazionedei dati riducendo notevolmente la quantità di capacità di storage su disco.
    • OPTICAL STORAGE inteso come dischi ottici: molti di essi sono di tipo WORM (Write once read many),utili per scopi di archiviazione di dati, in quanto i dati non possono essere cambiati. L’uso di un auto-changero jukebox rende i dischi ottici un’opzione fattibile per sistemi di backup su larga scala. Alcuni sistemi di Optical Storage consentono il backup di dati senza alcuna interazione umana con il disco, consentendo così una maggiore integrità dei dati.
    • SOLID STATE STORAGE o meglio conosciuti come flash memory: questi dispositivi sono relativamente costosi per la loro bassa capacità rispetto a dischi rigidi, ma sono molto conveniente per il back-up dei volumi di dati relativamente bassi.
    • REMOTE BACK-UP SERVICES stanno guadagnando in popolarità grazie alla diffusione dell’accesso internet a banda larga. Il back-up via Internet è sicuramente utile per proteggere i dati contro alcuni scenari peggiori, come incendi, inondazioni o terremoti.
  • MANAGING DATA REPOSITORY: indipendentemente dal modello di repository di dati o supporti di memorizzazione di dati utilizzati per i backup, un equilibrio deve essere raggiunto tra l’accessibilità, la sicurezza e il costo. Questi metodi di gestione dei media non si escludono a vicenda e sono spesso combinati per soddisfare le esigenze dell’utente. Utilizzando dischi on-line per la gestione temporanea dei dati prima che vengano inviati a una libreria a nastro near-line successivamente, è un esempio comune.
    Arka Service è in grado di adottare soluzioni di back-up diverse, combinando appunto le diverse esigenze di un cliente, tra le quali:

    • ON LINE BACK-UP è in genere il tipo più accessibile di memorizzazione dei dati, in grado di ripristinare i dati in millisecondi di tempo. Un buon esempio è un disco rigido interno o un array di dischi (anche collegato a SAN). Questo tipo di storage è molto comodo e veloce!
    • NEAR-LINE BACK-UP è in genere meno accessibile e meno costoso del back-up on-line, ma ancora utile per l’archiviazione dei dati. Un buon esempio potrebbe essere una libreria a nastro con tempi di ripristino che vanno da qualche secondo a qualche minuto.
    • OFF-LINE BACK-UP: richiedono il coinvolgimento umano per fornire l’accesso al supporto di memorizzazione: per esempio inserire un nastro in un’unità a nastro o collegare un cavo. Poiché i dati non sono accessibili tramite un qualsiasi computer, tranne durante periodi limitati in cui vengono scritti o letti, sono in gran parte immuni a un’intera classe di guasti rispetto ai back-up online. Il tempo di accesso varia a seconda che i media siano on-site o off-site.
    • OFF-SITE DATA PROTECTION tipicamente utilizzato per proteggere i dat ida eventuali disastri che possano coinvolgere il sito. Molte realtà scelgono di inviare il supporto presso un altro sito, sia esso un altro ufficio, sia esso un sito sofisticato realizzato per fronteggiare grandi disastri. La replica dei dati può essere, in questi casi, svolta on-site o off-site.
    • BACK-UP SITE: in caso di disastro, i supporti di back-up potrebbero non essere sufficienti a recuperare i dati in quanto sono necessari anche i sistemi informatici su cui i dati possono essere ripristinati e le reti configurate correttamente. Alcune organizzazioni hanno i propri centri di DisasterRecovery, dotati per fronteggiare questi scenari. Altre organizzazioni preferiscono avvalersi di un centro di DisasterRecovery di terze parti, in quanto la realizzazione di un sito di DR richiede investimenti importanti.
  • COMPUTER DATA STORAGE è una tecnologia che si compone di supporti di memorizzazione per conservare dati digitali. Essa è una funzione e componente fondamentale di un’architettura di Information Technology. Il Data Storage ha sviluppato concetti ed architetture eterogenee nel corso degli anni ed Arka Service ha abbracciato la sfida sviluppando expertise e skill in grado di realizzare, installare e gestire ambienti storage multipiattaforma.Arka Service collabora con i maggiori player di mercato per la realizzazione di architetture ed ambienti storage(primarystorage, secondarystorage, tertiarystorage, off-line storage, ecc…)
  • STORAGE AREA NETWORK intesa come una rete o parte di una rete ad alta velocità di trasmissione costituita esclusivamente da dispositivi di memorizzazione di massa, in alcuni casi anche di tipi e tecnologie differenti. Il suo scopo è quello di rendere tali risorse storage disponibili per qualsiasi computer (generalmente application server e DBMS server) connesso ad essa. I protocolli attualmente più diffusi, usati per la comunicazione all’interno di una SAN, sono FC (Fibre Channel) ed iSCSI (Internet SCSI).
    In una rete SAN le periferiche di storage sono connesse ai server attraverso una topologia costituita essenzialmente da dei collegamenti – solitamente in fibra ottica – e da hub, bridge, switch e router che in teoria consentono la coesistenza di sistemi e dispositivi di storage di natura eterogenea. Questo permette di evitare un sovraccarico della rete, dato che tutto il traffico è gestito da questi dispositivi.Arka Service è in grado di realizzare e conseguentemente gestire architetture SAN, rendendole disponibili perché tutti i dispositivi di memorizzazione siano disponibili a qualsiasi server della rete LAN o MAN di cui la SAN in questione fa parte. Il vantaggio di un’architettura di questo tipo è che tutta la potenza di calcolo dei server è utilizzata per le applicazioni, in quanto i dati non risiedono direttamente in alcuno di questi, ma sulla rete SAN.
  • NETWORK ATTACHED STORAGE inteso come un dispositivo collegato ad una rete di computer, la cui funzione è quella di condividere tra gli utenti della rete una memoria di massa, in pratica costituita da uno o più dischi rigidi. Generalmente i NAS sono dei computer attrezzati con il necessario per poter comunicare via rete. Si tratta di dispositivi dotati solitamente di un sistema operativo basato su Linux (generalmente trasparente all’utente) e di diversi hard disk destinati all’immagazzinamento dei dati. Tale architettura ha il vantaggio di rendere disponibili i file contemporaneamente su diverse piattaforme, come ad esempio Linux, Windows e Unix (o Mac OS X), dove il sistema operativo implementa i server di rete con gli standard più diffusi tra i quali ad esempio FTP, Network File System (NFS), Samba per le reti Windows e AFP per le reti Mac OS X.
    Arka Service offre competenze per la realizzazione e conseguentemente la gestione di un’architettura NAS permettendo di centralizzare l’immagazzinamento dei dati in un solo dispositivo accessibile a tutti i nodi della rete, altamente specializzato per le prestazioni; questo permette di implementare schemi RAID (Redundant Array of IndependentDisks), i quali garantiscono una migliore gestione della sicurezza dei dati. Normalmente un NAS consente l’eventuale rimozione ed aggiunta di dischi “a caldo” (hot swap), senza la necessità di disattivare l’unità.